India - Kerala

Il Kerala prende il nome nella lingua Malayalam da “Kera” che significa “palma da cocco” ed stato acclamato dal National Geographic Traveler come uno tra i primi dieci paradisi naturali al mondo. Si trova nella India sud occidentale si affaccia per la sua intera lunghezza (570 km) sul mare Arabico ed è protetto ad est dalla catena montuosa del Ghati occidentale che vanta alcune cime superiori a 2.500 mt slm.

La sua posizione geografica e il clima fanno di questa regione una delle più interessanti dal punto di vista naturalistico per le foreste tropicali in parte protette da Riserve Naturali tra cui quella del Peryar è la più conosciuta; le fertili pianure dove trovano spazio le risaie, le piantagioni di spezie e le piantagioni di erbe e piante officinali usate nella medicina ayurvedica; le bellissime colline nella zona di Munnar ricoperte da vaste piantagioni di té; le lunghe spiagge di sabbia; una sorprendente rete di canali, lagune, laghi, che serpeggiano attraverso il cuore del Kerala fino a ridosso delle coste formando importanti estuari. Parte di questi affascinanti canali e laghi sono navigabili a bordo di caratteristiche House Boat.

Al largo della costa si trova l’arcipelago delle Laccadive composto da 36 isole di cui solo 10 abitate; lontane dalle rotte turistiche più tradizionali queste isole stupiscono per l’habitat ancora incontaminato: vegetazione lussureggiante, belle spiagge di sabbia bianca, barriere coralline. La politica di conservazione e protezione della natura di questo arcipelago non ha consentito fino ad oggi investimenti importanti da parte dell’industria turistica; sull’isola di Bangaram un eco lodge propone sistemazioni in semplici bungalow.

Fin dall’antichità il Kerala era conosciuto dagli Arabi, dall’Impero Romano, dall’antica Grecia, e dai Fenici per le sue ricchezze naturali: spezie, legname pregiato e successivamente tessuti e gioielli favorirono il commercio marittimo e una cultura multi etnica; in un secondo tempo arrivarono i Portoghesi, gli Olandesi e gli Inglesi interessati a trarre profitti dal commercio. La popolazione del Kerala oggi è in parte di fede indù, in parte di fede cattolica, in parte di fede mussulmana e in minoranza ebraica, convivono in armonia tra loro e con la natura.